VI COMUNICO CHE PENSO
Il corso di formazione si prefigge di fornire agli aspiranti Facilitatori un solido bagaglio di competenze teorico-pratiche che li rendano in grado di operare, comunque con costante supervisione, come indicato nelle Linee guida pubblicate nel sito dell'Associazione, negli ambiti più diversi (scuola, centro diurno, formazione-lavoro, ecc.) in cui una persona con disabilità abbia bisogno di servirsi della tecnica CFA per articolare ed esprimere il proprio pensiero.
Il costo complessivo del corso è di € 280,  comprensivo della quota di iscrizione all'Associacione VI COMUNICO CHE PENSO che è di € 30 annui.
Gli argomenti della parte on-line sono suddivisi in diversi moduli, da 1a a 7b. Il modulo 5 non è attivo perché riservato ai Facilitatori di 2° livello. Ciascun modulo ha una data di inizio e una di fine. Durante questo periodo il corsista può accedervi, scaricare i materiali del Tab Documenti, visionare senza scaricarli i materiali Video, intervenire nel forum e chattare col docente. Le prove finali di ogni modulo sono in word per permettere ai corsisti di scrivere le risposte direttamente in formato word sul file. Queste devono essere compilate e spedite al docente (come attachment nella chat oppure alla sua mail privata) entro le 24 ore successive alla conclusione del modulo. I risultati saranno comunicati dalla direzione della scuola tre giorni dopo la consegna.

Prima di iscriversi al corso, l'aspirante facilitatore è tenuto a prendere visione del Contratto di iscrizione (http://www.comunicazione-facilitata-formazione.it/assets/contratto_facilitatori_professionali.pdf) l'inoltro della richiesta comporta l'accettazione integrale di quanto contenuto nel contratto stesso.

 
Status: Terminato
Inizio corso: 04 Jan, 2016



Evento



Modulo 1a - Introduzione alla Comunicazione Facilitata

In questo modulo, comune sia al corso per facilitatori professionali che a quello per familiari (i quali sono interessati alla tecnica per comunicare in ambito quotidiano con il proprio parente e/o assistito), sono esposte le conoscenze di base sulla Comunicazione Facilitata (espressione con cui la tecnica è comunemente denominata a livello internazionale sia da coloro che l'appoggiano che da quanti ne negano la validità). Si...

Ulteriori Dettagli

Modulo 1b - Applicazione della tecnica

Questo Modulo, anch'esso comune ai due tipi di corso, completa l'acquisizione delle conoscenze di base relative alla CFA. Vengono perciò esposte le Fasi di avvio per accedere alla comunicazione facilitata (dispensa n. 1:Fasi di avvio), illustrati gli strumenti utilizzati per la sua applicazione (dispensa n. 2: Gli Strumenti) per concludere con una panoramica sui possibili ambiti di vita della persona in...

Ulteriori Dettagli

Modulo 2 - Visione e apprendimento

Questo modulo fa parte del curricolo del Faciltatore professionale. In esso si vuole evidenziare l'importanza della visione in tutti gli ambiti della vita ma con particolare attenzione nella fase dell'apprendimento e nella gestione dello spazio. Quella visione che rappresenta molto di più della vista dei famosi 10/10. La visione permette di percepire e gestire lo spazio, reagire ed interagire con tutto ciò che ci circonda....

Ulteriori Dettagli

Modulo 3- Le funzioni esecutive e motorie

Questo modulo, che rientra nel curricolo del Facilitatore professionale, cerca di rispondere a una domanda fondamentale: perché la Comunicazione facilitata funziona, come dimostrano tante esperienze, con persone che presentano patologie molto diverse tra loro? Per rispondere compiutamente a tale interrogativo occorrerebbe poter mostrare quali sono i meccanismi sottostanti la tecnica in grado di spiegare il suo funzionamento. Allo stato...

Ulteriori Dettagli

Modulo 4a - Il linguaggio verbale

In questo modulo, che fa parte del curricolo del Facilitatore professionale, vengono fornite le nozioni di base sul linguaggio verbale, ciò che serve cioè a chiarire perché proponiamo la Comunicazione Facilitata Alfabetica, dove esistano le condizioni che consentono alla persona disabile di accedere a questo strumento, e non ci limitiamo a lavorare con la Comunicazione Aumentativa e Alternativa, che ha natura prevalentemente...

Ulteriori Dettagli

Modulo 4 b - Il linguaggio del corpo

Questo Modulo fa parte del curricolo del Facilitatore professionale ma è proposto anche a chi desidera acquisire e utilizzare la CFA in ambito familiare e per la vita quotidiana dei propri cari. Obiettivi di questo modulo: Far comprendere l’evoluzione del concetto di corpo nelle varie prospettive che ha assunto durante la storia dell’uomo Introdurre alle varie tipologie di comunicazione che passano attraverso il...

Ulteriori Dettagli

Modulo 6 - La Comunicazione

Questo Modulo, che fa parte del curricolo del Facilitatore professionale, è proposto anche a chi desidera acquisire la CFA per un uso familiare e per i bisogni di vita quotidiana dei propri cari. Il bisogno di comunicare è elemento fondamentale per qualunque essere vivente e la sua assenza provoca un blocco nei rapporti e negli scambi interpersonali con conseguenze importanti. L’uomo è da sempre alla continua ricerca...

Ulteriori Dettagli

Modulo 7 a - La figura del Facilitatore: funzione e identikit

Anche questo Modulo, pur costituito da nozioni tecniche che sono parte essenziale del curricolo del facilitatore professionale, è proposto anche a chi desidera acquisire la CFA per un uso familiare e per le necessità comunicative quotidiane dei propri cari. La CFA non è uno strumento che si acquisisce tutto in una volta e che rimane invariato nel tempo. Si tratta, al contrario, di un processo lungo, che va appreso. Devono...

Ulteriori Dettagli

Modulo 7 b - CFA: requisiti di accesso e strumenti

In questo modulo, che prosegue quanto già visto nel 7a, si completa la descrizione del processo di apprendimento, da parte della persona che non comunica vocalmente, della tecnica della CFA, per concludere con il ribadire, alla luce di una conoscenza più approfondita dell'argomento, il Codice deontologico che il Facilitatore accreditato dalla nostra Associazione è tenuto a seguire. Le parti che devono essere studiate e...

Ulteriori Dettagli